Come aprire un banco di frutta e verdura al mercato

Come aprire un banco di frutta e verdura al mercato

Spesso si pensa che aprire un banco di frutta e verdura possa essere molto più semplice rispetto all’apertura di un negozio vero e proprio. Ed è vero in parte. Allestire un banco di frutta e verdura al mercato prevede le stesse accortezze e gli stessi requisiti burocratici richiesti per un esercizio commerciale vero e proprio.

Da dove cominciare per poter vendere i propri prodotti localmente? In questo articolo analizziamo tutti i requisiti necessari (più alcune accortezze per l’ottimizzazione dell’attività)

Banco ortofrutticolo: quali autorizzazioni bisogna avere?

Per poter vendere i propri prodotti al mercato è necessario essere in possesso di determinate autorizzazioni, necessarie per la vendita al dettaglio ambulante. Esistono due diversi tipi di autorizzazione, entrambe gratuite, da richiedere a seconda del tipo di attività che si decide di avviare.

Autorizzazione tipo A

Questa autorizzazione deve essere richiesta presso il Comune da chi desidera avviare un’attività commerciale a posto fisso. Deve essere utilizzata in un giorno specifico, come ad esempio quello in cui si svolge la fiera o il mercato. Se si vuole posizionare la bancarella in più mercati e in più zone diverse, bisognerà richiedere un’autorizzazione per ogni singolo “posto”. Spetta al Comune pubblicare l’elenco delle piazzole libere, la cui occupazione deve essere richiesta entro 30 giorni.

Autorizzazione tipo B

Questa autorizzazione deve essere richiesta presso il Comune per il commercio itinerante, che non prevede l’occupazione di una piazzola fissa. Questo tipo di autorizzazione non è vincolato ad un determinato territorio, visto che consente lo svolgimento dell’attività commerciale su tutto il suolo nazionale. In questo caso il commerciante potrà occupare le piazzole non assegnate o quelle in cui il titolare è assente.

L’iter burocratico per aprire un banco di frutta e verdura

Per quanto riguarda il quadro fiscale, per esercitare qualsiasi tipo di commercio è necessario provvedere all’apertura della partita IVA e all’iscrizione presso la Camera di Commercio. Ulteriori disposizioni sono poi specifiche per questo settore: il commerciante dovrà seguire un corso S.A.B., obbligatorio per chiunque si occupi della somministrazione di alimenti e bevande.

Sarà poi necessario richiedere, attraverso il Comune, il rilascio della certificazione sanitaria rilasciata dalla ASL di competenza, che attesta il rispetto delle normative igieniche dell’attività. Anche i mezzi impiegati per  il trasporto e la vendita degli alimenti devono rispettare la normativa emanata dal Ministero della Sanità in merito agli aspetti igienico-sanitari.

Infine, dare comunicazione certificata di inizio attività al Comune almeno 30 giorni prima dell’avvio.

Ottimizzare l’organizzazione con un gestionale

Un software di gestione per il settore ortofrutticolo ti aiuta a tenere registri accurati, misurare le prestazioni e tenere traccia dei costi di manodopera e di produzione. Per tutti i processi all’interno della catena di approvvigionamento, dall’importazione, alla logistica, alla produzione fino alla consegna, l’uso di un gestionale può ottimizzare e semplificare di molto il lavoro.

Ma come scegliere il gestionale più adatto alle proprie esigenze? Affinché un software possa risolvere le problematiche concrete del settore, deve essere specifico per le attività ortofrutticole. Deve dare la possibilità di tracciare gli ordini e la movimentazione dei prodotti, integrando tali processi con una contabilità digitale chiara e intuitiva. La possibilità di personalizzare i vari pannelli può rappresentare un grande vantaggio nell’ottimizzazione dell’organizzazione. Il software ortofrutticolo GeOr racchiude tali funzioni.

Inoltre, l’integrazione con l’analisi dei dati permette di tenere sotto controllo i dati di vendita ed i margini di guadagno. Infine, la disponibilità di una console di vendita multi operatore è l’ideale per la gestione delle vendite in aree mercatali. Richiedere una demo gratuita ti aiuterà a scegliere la soluzione più adatta alle tue necessità.

Articoli Correlati

I lavori più richiesti nel 2022

I lavori più richiesti nel 2022

Quando e possibile richiedere la legge 104?

Quando e possibile richiedere la legge 104?

Come funziona una procedura di sfratto?

Come funziona una procedura di sfratto?

Lavoro, i settori con più opportunità entry-level

Lavoro, i settori con più opportunità entry-level