Presse piegatrici: cosa sono e come funzionano

Presse piegatrici: cosa sono e come funzionano

Tra le diverse proprietà dei metalli, quella della duttilità è una delle più vantaggiose in un contesto industriale. Questa caratteristica conferisce una certa plasticità ai metalli, che gli permette di modellarsi per assumere una certa forma e dimensione prima di rompersi.

Ciò rende i metalli versatili, poiché spesso le lastre di lamiera devono essere lavorate per prestarsi al progetto commissionato. A tal fine è possibile utilizzare molte apparecchiature di formatura, ma una delle più comuni è la pressa piegatrice.

Cos’è una pressa piegatrice?

Una pressa piegatrice è un macchinario industriale utilizzato nella lavorazione dei metalli, in particolare della lamiera. Il materiale viene posto su uno stampo a forma di V e pressato dall’alto da un punzone. Il metallo può essere piegato più volte da una pressa piegatrice fino a ottenere la forma desiderata.

Queste macchine possono piegare parti semplici e complesse e sono utilizzate in una varietà di settori che vanno dall’automotive alla produzione di aeromobili, dall’edilizia fino alla realizzazione di mobilio.

Le presse piegatrici possono eseguire una varietà di piegature diverse su molti tipi diversi di metalli. Quando si imposta un processo di piegatura, è importante considerare il tipo di metallo piegato, lo stampo, il punzone e la forza di piegatura.

Il tipo di metallo è importante da capire per via delle diverse proprietà fisiche tra i metalli. Ad esempio, un acciaio ad alto contenuto di carbonio sarà generalmente meno piegabile da una pressa piegatrice rispetto a molte leghe di alluminio a causa delle differenze di duttilità e resistenza. I metalli hanno in genere un raggio di curvatura minimo consigliato in base al quale il materiale può essere piegato senza danneggiarlo.

La matrice e il punzone utilizzati sulla pressa piegatrice hanno entrambi un grande impatto sul processo di piegatura. Durante questo processo il materiale da piegare viene posizionato sullo stampo, che può essere cambiato a seconda della forma desiderata. Il punzone viene poi abbassato sul metallo, comprimendolo sullo stampo e determinando la piegatura. Gli stampi e i punzoni sono tipicamente progettati in modo tale da poter essere facilmente intercambiati per adattarsi a un’ampia gamma di lavori.

Il compito dell’operatore è quello di selezionare ed installare gli stampi, posizionare la lastra tra gli stampi, attivare il ciclo di pressatura con i pulsanti palmari o un interruttore a pedale e rimuoverà la parte completata.

Ogni volta che si rende necessario piegare pannelli metallici, è essenziale l’utilizzo di una pressa piegatrice, il che le rende molto comuni nelle industrie e nelle officine meccaniche.

In commercio è possibile trovare diverse tipologie di presse piegatrici a prezzi differenti. Anche per questo motivo, la vendita di presse piegatrici usate non sembra aver conosciuto crisi di sorta, anche perché un macchinario del genere rappresenta un grande investimento.

Vediamo ora quali tipologie di presse possiamo trovare in commercio

Quali tipi di presse piegatrici esistono?

La piegatura della lamiera richiede una grande quantità di forza e, per ottenere ed erogare questa forza, il punzone viene abbassato sulla lamiera tramite diversi metodi. I metodi di applicazione della forza possono essere idraulici, pneumatici, elettrici o meccanici. Il metodo di applicazione della forza è spesso incluso nel nome di una pressa piegatrice (es. pressa piegatrice idraulica, pressa piegatrice servoelettrica).

Anche le presse piegatrici variano nella quantità di forza che possono fornire. Su una pressa piegatrice questa capacità è indicata dal tonnellaggio. In genere, le presse idrauliche vengono utilizzate per ottenere quantità di forza molto elevate, mentre le presse pneumatiche e servoelettriche forniscono quantità inferiori di forza.

I diversi tipi di presse piegatrici hanno anche velocità e precisioni diverse. Una pressa piegatrice servoelettrica avrà generalmente il più alto grado di precisione. Anche le presse piegatrici pneumatiche e servoelettriche sono in genere più veloci delle presse piegatrici idrauliche e meccaniche.

Le presse piegatrici controllate da computer (CNC) riescono a una precisione eccezionale (entro ± 0,004 “). Questi controlli computerizzati aiutano a impostare rapidamente le specifiche di un lavoro e ad eseguire cicli di produzione in base alle diverse esigenze, sia a breve che a lungo termine.

Articoli Correlati

Tecnologia 5g: tutto quello che c’è da sapere

Tecnologia 5g: tutto quello che c’è da sapere

Cos’è il Polipropilene? Ecco perché ha avuto così successo nell’industria della plastica

Cos’è il Polipropilene? Ecco perché ha avuto così successo nell’industria della plastica

Come trasformare la casa in una smart home

Come trasformare la casa in una smart home

Cos’è l’obsolescenza programmata

Cos’è l’obsolescenza programmata

No Comment

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *